Cassazione conferma sentenze jihadisti

La Cassazione ha confermato le pene a carico di quattro jihadisti, arrestati nell'autunno del 2015 durante una retata a Merano. I quattro furono condannati in primo grado a Trento a pene fra i quattro ed i sei anni. Tra gli imputati Abdul Rahman Nauroz, che abitava a Merano ed è ritenuto il presunto reclutatore dell'organizzazione, condannato a Trento a sei anni di reclusione. Eldin Hodza (unico kosovaro del gruppo) e i curdi Abdula Salih Ali Alisa, alias 'Mamosta Kawa', e Hasan Saman Jalal, alias 'Bawki Sima', sono stati condannati rispettivamente a quattro anni di reclusione. Gli imputati attualmente sono rinchiusi nei carceri di massima sicurezza di Rossano Calabro e Nuoro. Il 28 maggio riprende invece a Bolzano l'udienza che vede imputati altri sei presunti jihadisti, tra cui il mullah Krekar, che attualmente si trova in Norvegia. Entrambi i procedimenti rientrano nella maxi-indagine della Dda di Trento che portò allo smantellamento della cellula terroristica "Rawthi Shax".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Moso in Passiria

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...